Scrubs

Scrubs-scrubs-7589922-1280-1024

Serie epica che non solo ha spinto migliaia di fan a studiare medicina ma è anche diventata una delle più efficaci cure contro la depressione assieme ad altre divertentissime serie come Big Bang Theory e How I Met Your Mother.

Le vicende ruotano attorno allo specializzando John Dorian, conosciuto da tutti come JD, e ai suoi amici Christopher Turk, Elliot Reid e Carla Espinosa, ma sono moltissimi i personaggi che, seppur nel ruolo di coprotagonisti, si ritagliano uno spazio talmente ampio da diventare insostituibili: il cinico Dr. Cox, il misterioso Inserviente, il malvagio primario Kelso, lo sfortunato Ted; e ancora Todd il pervertito, Laverne la pettegola, Doug l’incapace, Jordan il demonio… la lista è lunghissima! Senza contare poi i personaggi mitici quanto marginali come il Dr. Barbablu e l’afro-americano con l’uncino.

Questa accozzaglia di individui forma un ambiente unico, rassicurante e divertente nella quale trascorrere una ventina di spassosissimi minuti (anche se questi spesso si prolungano ad oltranza, come con le ciliegie).

La serie si basa soprattutto su alcuni punti fermi riconducibili a JD ed elencabili in pochi punti:

  • I filmini mentali
  • L’amicizia con Turk
  • I sentimenti verso Elliot
  • L’ammirazione per Cox
  • Il desiderio di diventare un buon medico

Non ci sono dubbi sul fatto che il primo punto sia il più divertente e caratteristico della serie. La sua fantasia è talmente vasta da essere incontrollabile. Basta un commento o una battuta ed eccolo che parte!

Il secondo è invece quello più invidiato. Per quanto grandioso sia il vostro migliore amico, dubito che il vostro feeling sia almeno lontanamente paragonabile a quello dei due giovani specializzandi: totale fiducia, intesa perfetta ed una marea di idee da mettere in pratica assieme.

Il terzo punto è piuttosto banale, ma essenziale per una serie tv di lunga durata: un tira e molla ritrovabile nella stragrande maggioranza dei telefilm come quelli sopra citati ma molti altri ancora. Nonostante tutto, la cosa piace. Anzi, ci piace, dico bene?

Eccoci al complesso che si porta dietro JD, il suo bisogno di cercare un mentore a cui affidarsi e da idolatrare. Ovviamente Cox, con il suo caratteraccio, non tollera la cosa; anzi, non sopporta neppure lontanamente il giovane Dorian e non perde occasione per farlo sentire inferiore e respingerlo (ad esempio chiamandolo con un nome di donna diverso ogni volta)… o almeno così sembra. In realtà (ALLARME SPOILER) lo aiuta in più occasioni, proteggendolo e favorendolo, perchè lo ritiene un ottimo studente al punto da assumersi la colpa quando combina qualche guaio.

Infine l’immancabile motivazione. JD studia medicina e non si può non trattare le sue paure e i suoi desideri al riguardo. Emotivo ed empatico, stringe rapporti di amicizia con ogni paziente con cui ha a che fare e mira infatti a diventare un medico amico del paziente, a differenza del suo mentore che giunge persino ad insultare i malati (sempre per il loro bene, ovviamente). E’ disposto a sacrificare il proprio tempo libero per essere d’aiuto e, un pò come Patch Adams, si impegna al massimo per far sorridere i pazienti. Ma questo suo atteggiamento è un’arma a doppio taglio in quanto non riesce ad accettare che le cose vadano storte e che i pazienti possano, talvolta, morire.

Infatti la serie non è solo capace di far ridere e divertire, ma anche di commuovere e far piangere i fan. E’ una di quelle serie complete, come le definisco io, perchè ti permette di attraversare tutte le varie emozioni umane anche nel giro di un unico episodio: rabbia, tristezza, felicità, nostalgia, invidia etc…

Inoltre, essendo una serie lunga 8 stagioni (esatto, per me Scrubs termina con l’ottava e la 9 è solo il tentativo dei produttori di fare altri soldi sfruttando il successo delle precedenti), i protagonisti crescono, maturano e cambiano; ci sono matrimoni, funerali, pensionamenti, promozioni, trasferimenti e molto altro; alcuni personaggi diventano più forti, altri si addolciscono ed altri ancora rivelano lati nascosti. Questo non è nulla di unico ovviamente, poichè accade in molte serie; tuttavia il modo in cui tutto questo viene affrontato su Scrubs non è certo dozzinale o superficiale, bensì estremamente coinvolgente; sembra quasi di poter crescere insieme a JD ed i suoi amici.

Sentimentalismi a parte sono certo che molti di voi, come me, considerano questa serie una delle migliori mai realizzate; rientra senza dubbio nella mia Top 5 e se non le ho dato il 1° posto è perchè sta a pari merito con le altre 4.

Diciamo anche questo: è sicuramente più realistica di Dr. House (altra serie che adoro) e Grey’s Anatomy. E a me il realismo piace molto.

Vado fiero delle ore di divertimento trascorse a guardare Scrubs e, tra i tanti pregi, mi ha permesso di conoscere numerosissime canzoni stupende oltre ad offrirmi la calda rassicurazione di non essere un pazzo solo perchè ho qualche vocina che mi sussurra nella testa cosa fare e cosa non fare… ehm…

Comunque concludo questo post invitando chi non ha ancora avuto modo di seguire questa serie di farlo al più presto. Anzi, più che un invito direi che è un obbligo.

Ed ora tocca a voi.

Cosa ne pensate di Scrubs? E’ anche per voi una delle vostre serie preferite o per qualche oscura ragione non vi è piaciuta?

A quale dei tanti personaggi credete di assomigliare? E qual’è il vostro idolo?

Fatevi avanti e dite la vostra!

Annunci

2 pensieri su “Scrubs

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...