The Walking Dead

walkingdead

Si torna a parlare di zombie gentaglia!

Dopo la mia guida di enorme successo (già, mi sto vantando) su come sopravvivere ad una reale apocalisse zombie eccoci qua, pronti a discutere della serie più famosa dedicata ai non morti: The Walking Dead, tratta dall’omonima serie a fumetti di Robert Kirkman.

Non è un caso che mi sia saltato in mente di scrivere questo articolo proprio ora che sono usciti gli episodi della quinta stagione; ho visto il primo giusto poco fa (lo so, sono in ritardo, ma sono una persona molto impegnata sapete? No? Beh, la cosa giunge nuova pure a me) e mi è sembrato giusto dedicare alla serie tv un posticino nella mia Operazione Nerd.

Pronti a sorbirvi l’intero riassunto delle quattro stagioni?

(Fuggite, sciocchi!)

TRAMA (completa)

Non credo sia necessario spiegare cosa sia uno zombie e cosa faccia per vivere sopravvivere continuare a rompere le palle al prossimo; abbiamo visto tutti l’Alba dei Morti Viventi (o almeno quella dei Morti Dementi).

Comunque le vicende cominciano quando Rick Grimes, sceriffo entrato in coma in seguito ad una sparatoria, si risveglia in un ospedale deserto. Non passa molto tempo prima del suo primo incontro con uno zombie, cosa che lo porta a comprendere la gravità della situazione: una misteriosa epidemia ha trasformato in creature prive di ragione e affamate di carne umana gran parte della popolazione.

Per fortuna non tutti sono ridotti in questo modo e Rick incontra un padre superstite e suo figlio. In seguito si dirige verso Atlanta, dove sembra ci sia un centro di accoglienza per i superstiti, mentre gli altri due restato nella loro casa.

Rick spera di trovare sua moglie Lori e il figlio Carl; mentre viaggia verso la città, scopre che questi due fanno parte di un gruppo di sopravvissuti di cui fa parte anche Shane Walsh, collega di Rick e attualmente amante segreto di sua moglie.

Rick li raggiunge e si unisce al gruppo, mentre la moglie interrompe un po’ alla volta la relazione con il suo amante in quanto afferma di averlo fatto solo perchè convinta che il marito fosse morto.

Dopo alcune peripezie e in seguito ad uno scontro tra Merle, il violento leader del gruppo, e la sua scomparsa improvvisa il gruppo decide di dirigersi al Centro di Controllo Malattie, dove sembra stessero studiando una cura prima che la situazione precipitasse. Si mettono quindi in viaggio (ALLARME SPOILER da qui in poi) ma quando vi giungono scoprono che la situazione è più grave del previsto in quanto è rimasto un unico ricercatore e l’edificio è ormai privo di corrente elettrica. Una procedura di emergenza prevede che in questa situazione l’edificio esploda per evitare contaminazioni con l’esterno, in quanto vengono studiati organismi mortali per l’uomo, e il gruppo fugge appena in tempo mentre lo scienziato decide di suicidarsi.

Decidono di dirigersi verso Fort Benning ma durante il viaggio Carl viene ferito accidentalmente da un cacciatore e questo porta il gruppo in una fattoria dove altri sopravvissuti, il cui leader è Hershel Greene, il padre del nucleo famigliare, si prendono cura del bambino.

walking dead 2

Hershel accoglie il gruppo a patto che rispettino le sue regole, tra le quali il divieto di usare armi da fuoco, e sebbene controvoglia Rick acconsente. Vengono anche a sapere che Fort Benning è caduto e dunque non hanno più motivo di abbandonare la fattoria.

Con il passare del tempo il gruppo scopre che nel fienile Hershel ha rinchiuso numerosi zombie, i quali una volta erano stati membri della sua famiglia o conoscenti, perchè questi è convinto che siano malati e che non vadano uccisi; a questo punto Rick e i suoi aprono il fienile e sterminano i non-morti per evitare pericoli futuri.

Intanto Rick sospetta che Shane abbia ucciso un membro del gruppo per salvarsi da un assalto degli zombie e lo ammonisce. Questi però continua ad agire a modo suo; infatti quando in seguito allo scontro con alcuni membri di un alto gruppo ostile e il salvataggio di uno di essi, Randall, decidono di liberare quest’ultimo lontano dall’accampamento (non senza aver discusso di giustiziarlo per non mettere a rischio la loro incolumità), il collega dello sceriffo lo uccide di nascosto, fingendo che abbia tentato la fuga.

Daryl, un membro capace del gruppo di sopravvissuti e fratello di Merle, dimostra a Rick che Shane ha mentito, mostrandogli il cadavere di Randall, e che intende uccidere anche lo sceriffo e fingere che sia stato ilpresunto fuggitivo ad assassinarlo, in modo da diventare il leader del gruppo ed ottenere nuovamente l’amore di Lori (la donna ne aveva parlato al marito).

Rick si vede costretto ad uccidere Shane. Il figlio lo vede e gli punta la pistola addosso in quanto gli era affezionato ma invece di sparare a Rick mira a Shane, che sorprendentemente si è rialzato sotto forma di zombie, e preme il grilletto. Si scopre così che tutti i sopravvissuti sono infetti e che morire comporta la trasformazione in zombie tanto quanto essere morsi da uno di essi.

In un momento già drammatico appare una mandria di zombie diretta verso la fattoria e il gruppo di sopravvissuti è costretto a fuggire.

La nuova meta è una prigione, luogo nel quale sperano di potersi difendere dagli assalti dei non morti.

walkingdead2

Mentre il gruppo ripulisce l’edificio dagli zombie Hershel  viene morso ad una gamba e Rick gliela amputa con un’accetta per impedire il propagarsi dell’infezione. Inoltre si scopre che alcuni detenuti sono sopravvissuti.

I due gruppi tentano di convivere ma in seguito al tentato omicidio da parte del gruppo dei prigionieri Rick uccide il loro leader e, dei rimanenti, solo uno si unisce al gruppo vincitore mentre gli altri vengono uccisi.

Nel frattempo Andrea, l’unica che durante la fuga dalla fattoria si è allontanata dal gruppo, è in compagnia di Michonne, una ragazza di colore armata di katana che l’ha salvata e ha deciso di prendersi cura di lei.

Le due, dopo alcuni mesi trascorsi vagando senza meta, vengono accolte in una città di sopravvissuti protetta da mura e gestita da un uomo autodefinitosi Il Governatore e dalla sua milizia, tra i quali ritroviamo Merle. Andrea è lieta di diventare un attivo membro della cittadina, mentre Michonne intuisce la reale crudeltà del governatore, che si procura provviste e armi uccidendo altri gruppi di sopravvissuti incontrati durante le esplorazioni, e scappa dalla città. Viene però braccata per ordine del Governatore, ma riesce ad avere la meglio sugli inseguitori.

Nella prigione intanto Lori, incinta da mesi, è vittima delle doglie proprio durante un assalto degli zombie e, incapace di partorire autonomamente, chiede che le venga fatto un taglio cesareo; in seguito lei muore per l’emorragia ma la bambina sopravvive.
Rick, sconvolto dalla perdita della moglie, si isola dal gruppo.

Glenn e Maggie, due membri del gruppo di sopravvissuti, vanno in cerca di cibo ma vengono catturati da Merle e portati dal Governatore, che li interroga e, dopo averli torturati, scopre dell’esistenza del gruppo; ma Michonne, che ha assistito al rapimento dei due ed è venuta a conoscenza della prigione, si reca dai sopravvissuti per informarli dell’accaduto.

Rick, ripresosi dal lutto, decide di organizzare un raid per salvare Glenn e Maggie. Si fa aiutare da Michonne, la quale si dirige poi a casa del governatore per ucciderlo. Nella sua abitazione scopre che la figlia-zombie dell’uomo è trattata come una vivente e la uccide davanti ai suoi occhi. Dopo una lotta nella quale riesce ad accecare uno dei suoi occhi viene interrotta da Andrea, che è diventata la sua amante; le due però nutrono affetto reciproco e Andrea lascia fuggire l’amica.

Durante il raid Daryl viene catturato ma, insieme al fratello, riesce a sfuggire alla condanna a morte del Governatore e a tornare alla prigione.

walkingdead3

Il Governatore, furioso, attacca la prigione e abbatte le recinzioni, facendo entrare numerosi zombie; poi ritorna alla sua città, mentre il gruppo di Rick affronta la minaccia.

Rick è deciso a vendicarsi ma Andrea, dopo averlo raggiunto di nascosto, lo convince a cercare il dialogo con il Governatore e a convincerlo a spartire il territorio per convivere in pace. Rick segue il suo consiglio ma il Governatore ha intenzione di proporgli una finta tregua per ottenere Michonne e uccidere tutto il gruppo dello sceriffo.

Merle decide di andare ad assassinare il Governatore, ma fallisce nell’intento e viene a sua volta ucciso.

Il Governatore decide di assalire ancora la prigione, ma questa volta il gruppo di Rick è preparato e organizza un’imboscata con la quale respingerlo. Rick decide di farla finita e si dirige al villaggio del Governatore, dove però non è tornato; invece scopre che Andrea è stata rinchiusa nella sala delle torture per aver tentato di fuggire e riunirsi al gruppo di Rick. Purtroppo è stata morsa da uno zombie e in breve muore.

Rick accoglie i cittadini rimasti alla prigione, convinto che la guerra sia finita.

Il Governatore intanto è scappato e, dopo aver incontrato un altro gruppo di superstiti, uccide il loro capo per diventarne il nuovo leader. Il suo obbiettivo è vendicarsi di Rick.

Alla prigione intanto è scoppiata un’epidemia di polmonite e Daryl, assieme ad alcuni uomini, va in cerca di medicine in un’università di veterinaria; intanto però le vittime della polmonite diventano zombie e i sopravvissuti corrono un grosso pericolo, salvati solo dal tempestivo intervento di Rick. Daryl giunge poco dopo con gli antibiotici e i malati riescono così a guarire.

walking-dead-too-far-gone-01-1280x720

Mentre Hershel e Michonne stanno bruciano alcuni cadaveri vengono catturati dal governatore, che intende usarli come ostaggi per costringere Rick a cedergli la prigione; alla proposta di convivere insieme in diverse ali della prigione, il Governatore taglia la testa ad Hershel e così comincia un feroce scontro a fuoco che attira gli zombie nelle vicinanze, peggiorando una situazione già di per sè molto difficile. Il Governatore viene ucciso, ma le vittime sono molte e il gruppo di Rick è costretto a fuggire.

Durante la fuga i membri si dividono in piccoli gruppetti e si ritrovano isolati.

Glenn, che durante il caos della battaglia era rimasto ferito e privo di sensi, si risveglia da solo nella prigione popolata dagli zombie e, usando una tuta anti-sommosa, riesce a fuggire insieme a Tara Chambler, una sopravvissuta del gruppo opposto che decide di unirsi a lui.

Glenn vuole ritrovare Maggie, la sua fidanzata, e durante la ricerca incontra il sergente Abraham Ford, il quale sta scortando insieme alla compagna Rosita Espinosa il dottor Eugene Porter a Washington; l’uomo afferma infatti di essere a conoscenza delle cause della pandemia e di essere in grado di fermarla.

Glenn è però deciso nel suo intento e convince i tre ad aiutarlo, prima di continuare il loro viaggio; tuttavia, dopo essersi riuniti al gruppo di Maggie, composto da lei e altri due sopravvissuti, Abraham e gli altri si lasciano convincere a rimanere con loro ancora un po’ in quanto sono diretti a Terminus, luogo che si trova all’incrocio di più binari e che, a quanto scritto sui muri in prossimità degli stessi, è un luogo sicuro dove trovare aiuto e protezione.

walkingterminus-5

La meta è la stessa per gli altri sopravvissuti. Rick è insieme a Carl e Michonne, mentre Daryl viaggia con Beth, una delle figlie di Hershel, e Carol, uno dei membri originari del gruppo, è insieme a Tyreese, uno dei nuovi aggiunti, Judith, la figlia di Rick, e due bambine.

Rick durante la fuga dalla prigione è stato ferito alla gamba e dunque deve trascorrere alcuni giorni in una casa abbandonata accudito dal figlio, ai quali si aggiunge Michonne. Mentre questi ultimi due sono in cerca di provviste, alcuni sconosciuti dall’aria pericolosa entrano nel rifugio e Rick è costretto ad uccidere uno di loro per fuggire dall’edificio e scappare con il figlio e Michonne. Allontanandosi scoprono dell’esistenza di Terminus e si dirigono in quella direzione.

Intanto Daryl si porta dietro Beth, la quale sembra più decisa a sperimentare gli effetti dell’alcool che a trovare gli altri membri del gruppo. Daryl inizialmente non è d’accordo e la convivenza tra i due è difficile, ma poi decide di accontentarla e stringono un forte legame. Tuttavia in seguito vengono inseguiti dagli zombie e, durante la fuga, la ragazza viene rapita da individui misteriosi.

Deryl perde le sue tracce e si unisce ad un gruppo di cacciatori piuttosto violenti che scopriamo essere lo stesso dal quale è fuggito Rick; sono intenzionati a trovarlo e vendicarsi. Quando questo avviene Deryl cerca di difenderlo e viene picchiato dai cacciatori e, mentre uno di questi prova a violentare il figlio di Rick, quest’ultimo lo protegge mordendo alla gola l’assalitore. Riescono così ad avere la meglio sui cacciatori e a riprendere il viaggio verso Terminus.

Carol intanto si prende cura della figlia di Rick e, con essa, delle due giovani sorelle Lizzie e Mika, che ha giurato al loro padre in punto di morte di proteggere. Ad aiutarla nel suo compito c’è Tyreese, il quale sta invece cercando sua sorella Sasha, in gruppo con Maggie. Si rifugiano in una capanna e decidono di rimanere lì per un periodo di tempo indeterminato ma pochi giorni dopo Carol scopre che Lizzie è attratta dagli zombie, essendo convinta che siano persone normali e discriminate, e nonostante i suoi tentativi di farle comprendere come stanno in realtà le cose la bambina continua imperterrita a mantenere le sue convinzioni.

Un pomeriggio, quando Carol e Tyreese tornano nel rifugio in seguito ad un giro di ricognizione scoprono che la bambina ha ucciso sua sorella per dimostrare che quando si trasformerà in uno zombie starà bene. Carol non sa come agire, ma dopo aver saputo che la bambina ha, tempo prima, attirato gli zombie nella prigione usando delle esche, decide di ucciderla per evitare che compia altri gesti simili e per difendere Judith.

In seguito lei stessa confessa a Tyreese di avere ucciso sua moglie quando è scoppiata l’epidemia di polmonite, sparandole e bruciando il suo corpo per evitare che la malattia si diffondesse (senza riuscire nel suo intento). Lui inizialmente ne rimane sconvolto, ma poi la perdona. I tre riprendono il viaggio verso Terminus.

Finalmente il gruppo di Rick giunge a Terminus e i quattro vengono accolti con gioia, ma ben presto lo sceriffo nota alcuni oggetti appartenenti ad altri superstiti in loro possesso, come l’orologio che Hershel aveva donato a Glenn. La gente di Terminus sostiene di averla trovata addosso ad alcuni zombie ma il gruppo di Rick non gli crede e comincia una sparatoria durante la quale vengono inseguiti sino ad un vicolo cieco e sono costretti ad arrendersi.

Vengono rinchiusi in un container dove incontrano il gruppo di Glenn e quello di Maggie e si rendono conto di essere diventati una riserva di cibo.

Intendono dunque prepararsi allo scontro e farla pagare agli ideatori della trappola che attirano gente speranzosa a Terminus per ucciderli e divorarli.

SCENOGRAFIA E SONORO

Siete sopravvissuti alla trama? Un’impresa notevole, non c’è che dire!
Ho una buona notizia per tutti:

Questa è l’ultima volta che scrivo tutta la stramaledetta trama;
è un gesto inutile e perdo un sacco di tempo per nulla.

Contenti? Pure io.

walkingbikezombie

Comunque sia, una cosa veramente ben fatta di questa serie sono gli zombie: il trucco è veramente ben fatto (ad esempio per la donna nell’immagine sono servite tre ore di preparativi) e gli attori che li interpretano hanno tutti preso lezioni per apprendere la caratteristica andatura.

L’impegno nella realizzazione dei costumi è valso alla serie numerosi premi a mio parere meritati.

Anche i versi emessi dai non-morti sono piuttosto suggestivi e vengono aggiunti in fase di post-produzione.

Per quanto riguarda le ambientazioni sono in gran parte create al computer, cosa che un po’ mi ha stupito; si vede che non sono capace di distinguere il digitale al di fuori dei film in cui persino lo sputo è creato con un software (300*coff!coff!*)

La maggior parte delle viscere è formata da carne di pollo e marmellata, mentre il sangue finto si misura in ettolitri! (tranquilli, animalisti, nessuna bestiola è stata maltrattata nella realizzazione di questa serie… esclusi i polli, ovviamente)

Le ambientazioni sono inizialmente urbane, per poi passare a quelle rurali e a quelle naturali, come i boschi e le paludi.

Per vostra fortuna non c’è molto altro da dire riguardo gli effetti speciali e dunque il mio monologo si interrompe.

INTERPRETAZIONI

The-Walking-Dead-season-4-PaleyFest1

Mi piace molto il modo di recitare di Andrew Lincoln, l’attore che interpreta Rick Grimes. Ha dei gesti particolari che lo rendono in qualche modo differente, ad esempio nel modo di riflettere o di rivolgersi a qualcuno (e non mi riferisco al suo Coooarl!!). Inoltre la voce del doppiatore italiano, Christian Iansante, mi piace tanto quanto quella originale.

Ho un odio particolare per i bambini e forse è questo che mi porta a non sopportare Carl come personaggio; per quanto riguarda il suo attore non mi sembra faccia un gran lavoro e spero inizi ad impegnarsi sul serio prima o poi.

In generale le interpretazioni sono nella media; alcune un po’ si elevano, come nel caso di Scott Wilson, che interpreta Hershel Greene, mentre altre sono piuttosto scarse (e non faccio nomi).

In sostanza però i personaggi non sono strutturati troppo bene e alcuni sono addirittura ridicoli, come tutti i bambini della serie e alcuni individui dalle idee confuse come Carol. A proposito di Carol, chi se l’aspettava che con il proseguire della serie le sarebbero cresciuti due testicoli da toro? Wohoa!

Un personaggio che mi piace molto è Daryl, che si dimostra sempre un duro ma nonostante questo è anche molto buono senza far troppo il classico mattone ruvido.

(Maaa… che vado cianciando?)

CONCLUSIONE

Allora, mi rendo conto che ciò che ho fatto finora è stato stilare un ENORME riassunto della trama di The Walking Dead, cosa che mi ha pure preso più tempo del previsto; come ho già scritto sopra, non farò mai più una cavolata del genere, soprattutto perchè gli spoiler non piacciono a nessuno.

Per rimediare adesso darò ruota libera ai miei commenti, critiche ed esultanze su ciò che mi piace e non mi piace della serie, ma vi avverto fin da ora che per farlo dovrò anticiparvi qualcosa.

Innanzitutto voglio parlare di una cosa. Anzi, non di una cosa, ma di una foca: Carl. Ragazzo mio, tu sarai la rovina della stirpe umana. Avevi un solo stramaledettissimo compito, ed era restare IN casa! Ma tu no, non sai cosa voglia dire starsene buoni buoni sul divano, preferisci andare in giro per i boschi noncurante degli zombie a fingere di essere un texas ranger o a fare qualche altra idiozia del genere. Cavolo, se non fosse per te penso che sarebbe morta la metà delle persone.

walkingmeme

Uno potrebbe pensare che COARL sia un caso a parte, ma nossignori, in questa serie tutti, e dico tutti i bambini credono di essere dei folletti o qualche altra specie di creatura fatata perchè non vedo altri motivi per il quale dovrebbero aggirarsi da soli e magari pure disarmati nelle foreste, paludi, tra i campi, nei villaggi deserti e (in che pianeta siamo?) nelle segrete della prigione come se non ci fosse l’apocalisse; che in ogni caso alcuni di questi posti rimangono luoghi dove non andare da soli anche in un mondo normale…
Insomma, vogliamo parlarne? Cos’hanno, uno spiccato istinto di autodistruzione? Oppure vogliono semplicemente rovinare la vita ai loro genitori o tutori, i quali devono cercarli per giorni e giorni in angolini del bosco talmente tenebrosi da provocare un grave attacco di diarrea persino a Stallone?

Tornando al piccolo ranger, non ci si poteva aspettare altro. D’altronde con una madre come la sua, così psicopatica da pensare bene di prendere la macchina e guidare sola soletta come una… ehm… beh, insomma, non c’è molto da dire sul suo cromosoma, sappiamo tutti come stanno le cose. Insomma, tuo marito esce un attimo a “fare la spesa” e tu decidi di spararti in autostrada per… andare a cercarlo??? Ma che cosa ti salta in testa, donna?! E poi non siamo su Fast and Furious e, in ogni caso, tu non sei Vin Diesel.
C’è la fine del mondo là fuori, zombie ad ogni angolo bella, e tu decidi che devi andare a cercare il buon Rick-cappellodaduro-Grimes soltanto perchè non è tornato per cena? La vita è dura quando devi cercare il cibo per tutta la compagnia, non lo sai? Oh, ma tu pensi solo a sc**arti il tuo amante fregandotene se Rick è ancora vivo e vegeto, giusto? Non ti auguro niente di buono, e comunque chi ama gli SPOILER sa anche che farai la fine che meriti.

Rick, amico mio, anche tu però devi spiegarmi per quale cavolo di ragione ti metti a zappare la terra e a coccolare i maiali in un metro quadro di polvere; pensi davvero che servirà a qualcosa? Se devi fare una cosa la fai bene, con coltivazioni estensive e un esercito di contadini, oppure non la fai e ti rendi utile, impugnando la tua arma e andando in cerca di cibo e medicine invece di insegnare a COARL come si inseminano le patate.

Chi altro… ah, ecco: Shane. Ho capito, il tuo amico è dato per morto e hai un rarissimo esemplare di donna sopravvissuta all’apocalisse a disposizione; hai agito bene, come qualunque altro uomo avrebbe fatto. Ti sei anche preso cura del ragazzino, e questo ti fa onore.
Ma se vieni a scoprire che il tuo migliore amico non è morto ed anzi è tornato per aiutarti a mandare avanti la baracca, fatti da parte e rallegrati della sua presenza invece di elaborare un piano per farlo fuori e tornarti a tr***are la moglie!
Insomma, avevi a disposizione la bionda, chi te lo fa fare di tornare alla madre sposata e con un figlio? Il fascino della MILF?

Nel frattempo mi è saltata in mente una delle mie più grandi paure e prego ogni notte affinchè non si realizzi mai ciò che temo: Daryl, ti prego, ti supplico, ti scongiuro… non farti Carol!
Scegli chi vuoi, anche Rick (che con quella barba non è neanche malaccio) ma abbi un po’ di rispetto per te stesso e tieni lontano il tuo coso dalla sua cosa!
E’ un’amica, niente di più, ok? Ci siamo capiti?

Non temete, ne ho per tutti. E’ il turno di Hershel, il vecchio bifolco convinto di avere a che fare con una influenza stagionale un po’ più forte del solito e intenzionato a guarire tutti i suoi amichetti, da bravo pastore. Accidenti a te e alla tua testa bacata, vuoi che le tue figlie vengano divorate dagli zombie? E’ questo che vuoi? Intendi portare tutti quanti in paradiso per un accidentale piccolo morso da parte di mamma-mangia-cervelli?
Uff… ce n’è uno in ogni film del genere…

Governatore, eccoci qua: hai finito. Game Over. Rassegnati e fatti una vita da un’altra parte o limitati a sbronzarti per benino e a lasciarti divorare vivo. Seriamente è il caso di ritentare la conquista della prigione?
Chiamiamola pure tenacia e aggiungiamo un tocco di vendetta; era necessario uccidere il vecchio? Se il tuo unico obbiettivo era la prigione hai fatto un’idiozia colossale perchè hai scatenato il finimondo e non hai rimediato un bel niente per le tue nuove amichette; se invece volevi solo vendicarti potevi usare in maniera un filino più intelligente quell’enorme carro armato! Insomma, o una cosa o l’altra!

E infine eccoci a Beth. Ti ho tenuta per ultima perchè ci sarebbero così tante cose da dire che potrei scrivere un post a parte. Tuttavia mi limiterò alle cose più evidenti e lascerò le altre, per così dire, nascoste in modo da permettere a chi non ha ancora visto nulla di deliziarsi con la tua… biondezza.
Tralasciamo i tuoi intenti suicidi, la totale apatia simil-autistica e le tue lunghe partite di mamma-casetta; parliamo del tuo problema di alcolismo. Tuo padre si è ridotto ad un relitto a furia di bere grappa distillata illegalmente e quando tornava a casa sbronzo come una spugna erano guai; hai perso il resto del gruppo e sei sola con Daryl l’uomo-lupo; non hai un rifugio sicuro e ogni giorno è un miracolo se scampi all’apocalisse zombie; e dimmi un po’, qual è il tuo obbiettivo? Vuoi ubriacarti? Sul serio?
Non ci siamo, ragazza, proprio non ci siamo…
Ok, adolescenza e tutto il resto, ma insomma: persino COARL è più sveglio di te in questo contesto!
Limitati a fare la ragazzina un po’ strana e stop, che ne dici?

Vostro onore, l’accusa ha terminato; è il momento di esaminare le prove.

Sono presenti inesattezze assurde come la mega-katana di Michonne capace di segare tre teste di fila con un solo colpo e senza il minimo attrito (meglio dei rasoi Gillette… Hallelujah!), e alcune situazioni hanno lasciato perplessi i fan; per la cronaca, mi sto riferendo al carro armato del primo episodio (esatto, un altro carro armato).

Nonostante questo è un lavoro ben fatto dal momento che stiamo parlando di zombie, argomento facilmente criticabile, e soprattutto del fatto che è una fot**uta serie tv, dalla durata di gran lunga superiore rispetto a quella di un film.

Dal mio punto di vista la prima stagione è stata la migliore, ma non per questo le successive fanno schifo. Ciò che a volte mi disgusta è la stupidità di certi personaggi, ma mi rendo conto che tutto sommato esistono anche nel mondo reale imbecilli di tali proporzione e dunque non si tratta di fantascienza…

Un altro punto a favore è l’ambientazione contemporanea, cosa che facilita di molto l’immedesimazione. E’ facile immaginare che possa accadere da un momento all’altro e dunque fantasticare sui possibili scenari.

Una cosa che mi ha fatto altamente incazzare è il videogioco: The Walking Dead – Survival Instinct. Prima e ultimissima volta che mi faccio f***ere così allegramente da un gioco tratto da un film o da una serie tv! Ho giurato dinanzi ai Nove Divini (sì, anche Talos trova spazio nel mio altare) che la mia ira un giorno si riverserà verso gli sviluppatori del titolo, i quali probabilmente hanno lavorato solo due giorni e hanno passato il resto del loro mese pagato a fumarsi le canne e a ridersela come pazzi all’idea degli sfigati come me che avrebbero acquistato il gioco, costoso come l’Adamantio, e si sarebbero ritrovati a rifare le STESSE, IDENTICHE, STRAMALEDETTE SCENE ALL’INFINITO SENZA LA MINIMA VARIAZIONE!! CHE SIATE MALEDETTI, O MESCHINE CREATURE DELLA TERMINAL REALITY! E NEMMENO VOGLIO NOMINARE LA GIOCABILITA’ FLUIDA COME UN CARRELLO DEL SUPERMERCATO! C’E’ UN GIRONE ALL’INFERNO PER OGNUNO DI VOI, ORRENDI LADRI!!!

Ehm, scusate se ho divagato. Tornando alla serie: il tempo dedicato a guardarla è speso egregiamente e consiglio a tutti gli appassionati di apocalissi e affini di buttarsi subito nello streaming della prima stagione.

Buona visione!

(Non ci credo che sono arrivato in fondo)
Annunci

13 pensieri su “The Walking Dead

  1. The Butcher ha detto:

    All’inizio quando ho letto la trama mi sembrava di rivedere “28 giorni dopo”. Poi ho smesso di leggere per paura di eventuali spoiler visto che non ho iniziato The Walking Dead. Mi interessava e volevo iniziarla. Comunque sia ho visto alcune immagini della serie devo dire che tecnicamente è fatto molto bene.
    Ah, anch’io ho visto il gioco della serie (per fortuna una gameplay su youtube). Un orrore proprio.
    Ti auguro una buona serata.

    • Eh, serve veramente a poco tutto il lavoraccio che ho fatto scrivendo la trama. Però ho perso molto tempo e dunque non ho voluto cancellare la bozza.
      Comunque quel gioco è un disgusto totale e mi pento ogni giorno di averlo comprato. L’ho rivenduto subito ma svalutato di molto…
      Buona visione!

  2. Grande serie, peccato che da quando ho iniziato a vedere Game of Thrones sono rimasta ferma a metà della quarta stagione. I detti popolari hanno sempre ragione, il tempo è denaro! Cmq spero che andando avanti gli zombie acquistino un pò di velocità, ovviamente io tifo per loro, ahaha!

    • Questo è il genere di zombie che non sa come mettere un piede davanti all’altro e dunque dubito che impareranno come si fa con il proseguire della serie.
      E poi loro contano sul numero, quindi lasciamoli pure passeggiare in massa!

  3. Avevo iniziato a vedere le prime due puntate di TWD, ma sto aspettando l’inverno per vedermi tipo 10 puntate di fila al colpo, con la mia tazza di L.Ryuzaki colma di cioccolata calda.
    Però ho finito il gioco, e a me è piaciuto da morire. L’ho trovato appassionante e mi sono affezionata alla piccola Clementine!

    • Sei riuscita a guardare le prime due puntate senza far comparire la scimmia sulla spalla? Non… non me lo spiego…
      In ogni caso condivido in pieno la tua mentalità: anche io cerco di accumulare gli episodi piuttosto che seguirli un po’ alla volta. Sono mr. GoT in una settimana! Ahah!
      Non ho mai giocato al titolo di cui parli tu. Io ho provato solo Survival Instinct ed è il male!

      • Hahah, addirittura in una sola settimana? Io purtroppo non ho molto tempo da dedicarci, magari farò una maratona domenicale! Però ho giá notato che Rick è un deficente.

        • Aspettavo da molto tempo un’occasione per poter fare una cosa simile e quest’estate ci sono riuscito. E’ valsa la pena trattenere il desiderio di conoscere il motivo di tanta passione per GoT.
          Rick? Aspetta di vedere gli altri! Ahah!
          Nah, in realtà ti stupirà il buon sceriffo.

            • Faccio il possibile, ahah!
              No, veramente, nonostante le critiche sul suo declino con il proseguire delle stagioni The Walking Dead merita di essere vista. Ho provato anche il fumetto (ho solo il primo volume, preso a Londra) e devo dire che spiega determinate scelte sulla serie che adesso sono viste dai fan come un difetto. Magari ne riparleremo in futuro!

              • Sicuramente tornerò alla carica a sperperare sentenze sulle scelte insulse di alcuni personaggi (perchè qualcuno sicuramente fa cazzate)! Il fumetto non l’ho letto, mi informeró!

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...