Futurama

Vorrei aver trovato una motivazione migliore, ma la verità è che ho pensato di scrivere questo articolo subito dopo aver messo l’immagine di Fry congelato nel post precedente; insomma, una mera associazione sinaptica comprensibile anche ad un bambino. Ma che importa?

Collegamenti a parte, ci sono un sacco di ottime ragioni per le quali Futurama merita un posto nel mio blog:

  1. A me piace un sacco
  2. Parla di nerdosità come viaggi nel tempo e nello spazio
  3. In un modo o nell’altro affronta temi scientifici
  4. E’ un cartone animato
  5. Cinque
  6. Zoidberg è un mito

Potrei scriverne altri, soprattutto correlati al punto cinque, ma se siete qui è perchè anche voi avete dei validi motivi (magari persino migliori dei miei).

Allora diamoci da fare!

Trama (senza spoiler)

Anno 1999. Philip J. Fry è un semplice fattorino, un po’ imbranato e un po’ fallito, costretto a consegnare pizze anche l’ultimo giorno dell’anno (e del millennio).

Così, mentre tutto il mondo festeggia o trema per l’arrivo nel duemila, lui si ritrova in un laboratorio di criogenia con una grossa pizza per il signor T. O. Fregato. Bello schifo, eh?

Così il nostro povero amico si mette comodo su una sedia, si apre una lattina di birra e si sorbisce il conto alla rovescia; ma, proprio allo scattare della mezzanotte, cade all’indietro (ecco perchè le maestre a scuola dicevano di non dondolarsi) e finisce dentro ad una capsula che lo congela all’istante.

Rimane quindi in questo stato di stasi per ben 1000 anni, risvegliandosi di conseguenza alla vigilia del terzo millennio.

Benvenuto nel mondo del domani!

Superato (con estrema rapidità) il trauma dell’aver perso tutti i suoi conoscenti e beni materiali, fa la conoscenza di Turanga Leela, una ciclope incaricata di trovare lavoro ai viaggiatori nel tempo (o più che altro i surgelati umani). Purtroppo scopre di essere destinato a dover essere un fattorino per tutta la vita e decide di scappare.

Ha quindi modo di esplorare New New York e conoscere Bender, un robot criminale che diverrà il suo migliore amico, e il suo discendente più diretto: il professor Farnsworth, un vecchio e geniale (più o meno) inventore che gli offrirà di lavorare per lui nella sua azienda di consegne spaziali, la Planet Express… ovviamente come fattorino!

Fry accetta e in questo modo comincia una lunga (speriamo infinita) serie di esilaranti ed entusiasmanti avventure nei più remoti pianeti nell’universo. Ad accompagnarlo ci saranno anche altri curiosi personaggi, tutti dipendenti della Planet Express, e con il procedere delle stagioni il profilo di ognuno di loro verrà esaminato rivelando lati nascosti e profondi, oltre a nuove informazioni sugli eventi accaduti nei 1000 anni di stacco, ovvero il nostro ipotetico futuro.

Personaggi

Essendo l’ideatore del programma Matt Groening (il creatore dei Simpson), i protagonisti di questa saga sono tutti caratterizzati da grandi occhi a palla, lineamenti facilmente definiti ed un perenne alone di stupidità che tuttavia non impedisce loro di avere qualche geniale trovata ogni tanto (anche se nel caso di Fry sono solo frutto del caso).

Il protagonista, una sorta di Homer Simpson in buona forma e senza ittero, è infatti un simpatico tontolone al quale ci si affeziona facilmente per la sua ingenuità e la genuinità delle emozioni che esplicita senza pensarci due volte. Pigro, imbranato, disordinato (vi ricorda qualcuno?); non è un caso che rappresenti l’uomo comune, ovvero noi voi, e permette agli spettatori di immedesimarsi con facilità e stupirsi con lui di fronte ad ogni straordinaria tecnologia del futuro: astronavi in grado di viaggiare in pochi secondi dalla Terra alla Luna, cannoni capaci di distruggere un pianeta, dinosauri riportati in vita e molto altro ancora. Tutto questo sembra non avere alcun effetto sugli abitanti del futuro, proprio come a noi non provoca nessuna emozione l’accensione di un trapano (se non quando state cercando di studiare e ad usarlo è il vostro vicino…), e di conseguenza Fry è ai loro occhi un bambino troppo cresciuto.

Bender è, come ho già detto, un robot dedito alla malavita: ruba, fuma sigari e beve (ma di quest’ultimo fatto non possiamo fargliene una colpa perchè gli alcolici sono il suo carburante). Frequentatore di spogliarelliste, vandalo, dai modi rozzi e maleducati… si è accattivato con facilità la più grossa fetta del pubblico, con la sola esclusione delle mamme preoccupate per i messaggi trasmessi ai loro piccoli da un simile personaggio. Per fortuna nessuna di loro legge il mio blog, quindi possiamo in breve dire che è un ottimo esempio per tutti noi.

Leela sembra essere l’unico personaggio corretto di tutto il programma: animata da buoni propositi, carismatica, ligia al dovere, si è meritata il ruolo di comandante della navetta della Planet Express nonostante sia dotata di un unico occhio (e quindi niente visione stereoscopica). Apparentemente è un alieno, ma (ALLARME SPOILER) in realtà è un mutante. Nonostante questo, Fry si innamora di lei e, benché i suoi sentimenti non siano inizialmente corrisposti, con il tempo dimostra di provare qualcosa nei suoi confronti.

Il professor Farnsworth è vecchio e decrepito, sulla soglia dei 160 anni, ma questo non gli impedisce di continuare a svolgere il suo lavoro di scienziato e di sfornare continuamente nuove invenzioni che ogni tanto mostra ai suoi sottoposti introducendo il tutto con un gioviale

“Buone notizie ciurmaglia!”

che usa anche quando deve affidare loro qualche incarico… e che non preannuncia mai buone notizie! A volte si avvicina al limite dello scienziato pazzo, ma poi dimostra di essere innocuo e torna ad essere valutato come un semplice vecchio nonnetto bavoso.

Il dottor Zoidberg è un alieno dall’apparenza simile a quella di una grossa aragosta. Svolge il compito di medico dell’equipaggio, ma la sua incapacità lo porta spesso a compiere più danni che altro. E’ l’emblema dell’inettitudine e il suo aspetto (così come il suo odore) causano ribrezzo da parte degli altri membri della ciurma e di conseguenza è spesso solo e triste. Non vi fa una pena tremenda?

No grazie…

 

Amy Wong è una studentessa universitaria marziana, figlia di ricchi proprietari terrieri e abituata dunque a sguazzare nel denaro. E’ la pupa della situazione e, come da stereotipo, pensa più a far festa che a studiare.

Infine c’è Hermes, un burocrate d’alto livello (36) di origini unpo’quiunpo’lìgiamaicane. Estremamente fiscale e rispettoso delle regole, gestisce le finanze della Planet Express. E’ anche un appassionato di limbo, anche se il suo fisico alla Homer lascerebbe pensare ben altro.

Ci sono inoltre moltissimi altri divertenti personaggi ricorrenti nella serie: il comandante Zapp Brannigan, il suo assistente Cliff, il re alieno di Omicron Persei Otto Lrrr, Mamma (non la mia), la testa di Richard Nixon, Mordicchio e ovviamente anche Scruffy il custode.

Ambientazione

Il mondo del tremila è popolato da ogni sorta di creatura: umani, robot, infinite specie di alieni e anche qualche mutante. La maggior parte convive pacificamente, ma ogni tanto scoppia qualche scaramuccia oppure il solito invasore alieno di Omicron Persei Otto tenta di conquistare la Terra.

Lo scenario principale dove si svolgono le vicende è New New York, la città costruita sotto le fondamenta della vecchia New York dove i cittadini si spostano principalmente attraverso un sistema di tubi ad aria e nella quale se ci si stufa di vivere si possono trovare comode cabine da suicidio ad ogni angolo della strada.

Gli altri pianeti comprendono ogni sorta di ambientazione: giungle, deserti, distese ghiacciate… su alcuni la gravità e estremamente intensa, su altri quasi inesistente e gli abitanti possono essere umani colonizzatori di altri mondi o, più spesso, alieni dall’aspetto gelatinoso o tentacoloso (che menti perverse…).

I nostri bravi fattorini della Planet Express hanno l’incarico di recapitare ad anni-luce di distanza ogni sorta di oggetti e, a dispetto delle aspettative, il costo delle spedizioni sembra essere una miseria visto che possono permettersi di far compiere viaggi intergalattici per minchiate oggetti di poco valore come un paio di cuscini o giù di lì. Fortunatamente il tempo necessario per compiere i viaggi è ridicolo, dal momento che la tecnologia ha fatto progressi enormi e le astronavi, come già detto, ci mettono qualche secondo a compiere centinaia di migliaia di chilometri.

Sempre per quanto riguarda la tecnologia, i robot sono un ottimo esempio di dove è giunta la scienza: ne esistono capaci di svolgere ogni funzione, dai manovali ai calcolatori a semplici frullatori o biglietti di auguri. Tutti però hanno in comune una cosa: sono degli alcolizzati cronici. Infatti la loro fonte di energia è l’etanolo, il comune alcol che si trova nella birra e nel vino per intenderci. Sono però un’invenzione piuttosto recente in quanto a costruirli è stato il pronipote di Fry, il professore.

Ci sono numerose invenzioni e creazioni sorprendenti, ma per la maggior parte di esse vi invito a guardare il programma in quanto meritano ognuna una puntata tutta per loro, come ad esempio il Lungoarnese del professore (non è come pensate…).

Temi trattati

Futurama è un cartone animato principalmente comico, ricco di battute spassose e piuttosto originali, dalla vena di demenzialità più marcata rispetto a quella dei Simpson ma comunque ben lontana rispetto a quella dei Griffin (che corrispondo al massimo della scala).

Tuttavia si distacca per la profondità delle emozioni suscitate dal programma che vanno ben al di là di quelle competenti ad un cartone animato del suo genere: oltre ad intenerire ripetutamente con la storia d’amore non corrisposto di Fry, in alcune puntate riesce persino a commuovere enormemente e quasi a traumatizzare gli spettatori, come avviene nell’episodio dedicato a Seymour per intenderci.

Ancora piango quando ci penso

Inoltre la trama non è banale e si sviluppa sempre più con il proseguire degli episodi, rivelando passati complicati e tristi come quello di Leela, la quale è stata (ALLARME SPOILER) “abbandonata” dai suoi genitori mutanti per permetterle di vivere come un comune essere umano, anche se questo non impedisce loro di continuare a proteggerla e sostenerla a distanza a sua insaputa durante tutta la sua vita.

E’ quindi qualcosa di più complesso rispetto ad un semplice intrattenimento e questa tesi è confermata dai temi che tratta, complessi e facilmente spunto di discussione per la loro mole intrinseca: paradossi temporali, futuri post-apocalittici, eccezioni alle leggi della fisica, problemi etici… la maggior parte di essi è trattata con apparente leggerezza, ma in realtà nascondo forti critiche o impliciti avvertimenti, come nel caso dell’inquinamento. Insomma, per essere fantascientifico ci va sul pesante!

Come se non bastasse gli autori hanno inserito un sacco di citazioni e di camei, il più delle volte sotto forma di parodie.

Conclusione

E’ uno dei miei cartoni preferiti proprio per i suoi contenuti nerdici: futuro, viaggi nel tempo, tecnologia… ma a renderlo tale sono le sane risate che stimola e le enormi emozioni che suscita di tanto in tanto.

Il successo ottenuto è meritato essendo per me di gran lunga superiore ai Simpson (che ormai stanno andando alla deriva) e sicuramente meno stupido e volgare dei Griffin e loro affini (li guardo lo stesso, non temete).

I tormentoni originati sono molteplici, come:

Bacia il mio fondoschiena metallico (Bender)

 

Buone notizie ciurmaglia! (Professore)

per non parlare poi del successo virale ottenuto nel mondo meme:

Difficile criticarlo se non per quanto riguarda il pubblico a cui è rivolto che, come ho accennato poco fa, non può essere di semplici bambini in quanto potrebbe essere diseducativo.
Ahah, ci avete creduto? Stavo scherzando! Io lo guardo da quando ero un piccoletto (non che sia troppo cresciuto…) e guardate un po’ come sono ora!

… beh, cosa avete da mormorare?

In ogni caso sono certo che molti di voi già conoscono Futurama e per i pochi di voi che non l’hanno guardata ho solo una domanda:

cosa aspettate???

Annunci

3 pensieri su “Futurama

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...