In Giappone…

Ho alle mie spalle una montagna (letteralmente) di manga, alle pendici della quale sono disseminati film d’animazione nipponici e qualche serie tv; dunque ormai, anche senza esserci stato, mi sono fatto un’idea di come vadano le cose nel paese del sol levante.

Eccovi quindi una descrizione di come mi immagino possa essere fatto il Giappone basandomi totalmente sui mezzi indiretti a mia indisposizione.

Tette Enormi

Boa-Hancock-image-boa-hancock-36496008-977-817

Mudkip è molto felice

Ovviamente la prima cosa che salta all’occhio sono i vistosi davanzali delle ragazze, donne e persino bambine (Sono Perversi Questi R… ehm… Giapponesi).

La lista di esempi è infinita, ma solo per nominarne alcune: Nami, Robin, Tsunade, Sakura, Inoue, Lucy, Erza, Fujiko

La cosa più sorprendente non è tanto la dimensione mostruosa del seno di alcuni personaggi (Shizuka di High School of the Dead, Matsumoto di Bleach…) quando la velocità con la quale esso cresce! Infatti con il procedere dei capitoli di un manga possiamo notare lo sviluppo continuo della grandezza e il contemporaneo restringimento dei vestiti, cosa che accentua ancora di più il cambiamento della forma.
Nami di One Piece è un magnifico esempio, dal momento che la sua taglia di reggiseno aumenta all’incirca ogni 5 volumi, ma anche tutti i personaggi femminili di High School of the Dead rendono palese l’esistenza di sostanze sconosciute nell’acqua o nell’aria in Giappone che causano la crescita incessante dei seni.

Insomma, in Giappone non esistono (tranne qualche triste eccezione come Maka di Soul Eater) ragazze dal petto piatto come una tavola. Bel posto in cui andare a vivere, eh?

Capelli Colorati

Tutti sanno che ogni singolo abitante della Cina ha i capelli lisci e neri, ma sembra proprio che al di là del tratto di mare che separa l’Asia dal Giappone la situazione cambi drasticamente: ragazzine dai lunghi capelli rosa, bimbi dalla folta capigliatura blu, uomini con in testa cespugli verde-acido e, in ogni caso, tagli incredibili paragonabili a sculture d’arte moderna!

Dalla montagna di capelli cambia-colore di Goku all’apocalittica piramide multicromatica di Yugi, passando per situazioni paradossali come quella del povero Killua, che nonostante la giovane età ha già i capelli grigi (con una lieve tonalità violacea).

E’ probabile che ogni tanto nasca qualcuno con colorazioni “normali”, ma allora il suo futuro è predeterminato: i suoi genitori possono scegliere tra il sopprimerlo o il relegarlo ad un ruolo marginale negli eventi (numerosissimi e strabilianti) che colpiscono il Giappone.

In ogni caso suppongo che le colorazioni siano dovute alle radiazioni conseguenti al bombardamento di Hiroshima e Nagasaki, oppure alla presenza delle suddette curiose sostanze già nominate poco fa… qualche studio tossicologico è d’obbligo!

Shinigami

E’ difficile campare in un paese popolato da tante sottospecie diverse di Dei della Morte, e lo è ancora di più quando alcuni di loro lanciano quadernetti dal potere omicida a casaccio giù dalle nuvole.

Seems legit

Comunque sia non è raro, camminando tra le strade delle principali città del paese, incappare in qualcuno di loro impegnato nella caccia agli spiriti maligni.

La regola è fingere di non vederli, e tutto andrà per il meglio (o quasi…).

Demoni e Spiriti

E a proposito di creature soprannaturali, il paese del sol levante è una vera e propria riserva di questi misteriosi esseri.

Alcuni sono benigni, come gli adorabili spiriti della foresta, altri invece sono molto pericolosi ed è meglio stargli alla larga: Hollow, uova di Kishin, Yoma, diavoli-avvocati, giganti, spiriti con un variabile numero di code e chi più ne ha più ne metta.

Se poi siete sfortunati potete incappare in qualche zombie o, peggio, in Godzilla; ma niente panico! Le sue sono visite occasionali e ormai i nipponici costruiscono edifici in grado di resistere alle scosse di terremoto da lui causate con il minimo danno.

Comunque tornando alle creature benigne vi sono addirittura città termali (talvolta confuse con vecchi parchi divertimento) che ne ospitano numeri esorbitanti, ma di solito non sono facili da raggiungere perchè non si sa dove vendono i biglietti del treno per arrivarci…

Sistema Feudale

A dispetto di quanto dice Wikipedia, il Giappone si basa su un solido sistema di vassalli e signorie ed è diviso in più regni confinanti e talvolta in guerra tra loro.

Gli scontri tra i feudi avvengono, come da tradizione, schierando squadre di samurai dei quali solo un numero limitatissimo è in grado di impugnare la spada e che quindi si risolvono spesso in una carneficina; tuttavia ogni tanto qualche Daimyo sgarra e ricorre alle aereonavi e ai bombardamenti.

State dunque bene attenti quando programmate un viaggio nel paese del sol levante, selezionando con cura la regione da visitare in base ai vostri gusti e agli scontri attualmente in corso.

Steampunk

Il Giappone, nonostante il notevole numero di centrali nucleari in suo possesso, basa gran parte della propria tecnologia sull’energia del vapore e dunque i veicoli più utilizzati sono affascinanti accozzaglie metalliche sbuffanti e rotanti. I più interessanti sono le aeronavi, enormi strutture volanti utilizzate per gli spostamenti più lunghi e per le scaramucce occasionali tra i feudi, ma vi sono anche dirigibili e mezzi più piccoli simili a sproporzionate zanzare di ferro o, in regioni particolari, grossi aquiloni chiamati moeve.

Talvolta l’energia del vapore viene utilizzata anche per far muovere interi edifici, come nel caso del Castello Errante di Howl, ma se si tratta di costruzioni più grandi (persino intere città) ci si avvale di misteriosi cristalli.
Se ne avete l’occasione, fate un salto a Laputa!

Tutto questo, comunque, non impedisce di sfruttare mezzi alternativi come attrezzature per il movimento tridimensionale alimentate a gas oppure le buone vecchie biciclette, da non usare mai all’interno degli edifici.

Formazione Militare

In Giappone i cittadini sono obbligati fin dalla giovane età a subire indottrinamenti militari.

Alcune regioni addestrano i propri cittadini a diventare dei ninja, altre ad utilizzare con efficienza katana ed arco sino a renderli dei perfetti samurai. In alternativa, se il feudo non ripudia la tecnologia, vengono impugnate armi che sfruttano la polvere da sparo, ma in ogni caso è preferibile l’arma bianca… o la magia.

… è comunque una scuola…

In effetti l’utilizzo della forza spirituale, dell’aura, del Ki e del Chakra è alla base di una felice convivenza in quanto invece di presentarsi i cittadini utilizzando strumenti oculari in grado di misurare l’abilità nell’utilizzo dell’energia propria o circostante, prodotti rigorosamente dalla Sony e in grado di disporre la popolazione in una scala gerarchica per evitare disordini o liti impari.

Legami con la Natura

I giapponesi hanno uno stretto rapporto con la natura, tanto che alcuni di essi vivono all’interno di boschi o foreste (Villaggio della Foglia, della Cascata, della Sabbia…) o dedicano la loro vita alla sua difesa e comprensione (hunter, monaci erranti, gourmet hunter…).

Il reciproco rapporto di aiuto e sostegno ha portato alla sorprendete crescita di alcuni animali che hanno assunto forme quasi mitologiche e dimensioni mostruose; allo stesso tempo ha permesso ad altre specie di imparare il linguaggio umano e di vivere normalmente tra gli uomini. Infatti si incontrano gatti chiacchieroni, caprette che salutano, rospi da compagnia, tanuki burloni e tante altre bestiole allegre.

Addirittura alcuni feudi vivono in totale simbiosi con gli animali, come a Biancavilla dove l’intera struttura sociali del villaggio in questione e di quelli confinanti comprende la convivenza con creature endemiche chiamate Pokémon.

Tuttavia non è sempre stato così e probabilmente questo eccessivo attaccamento alla natura è la conseguenza di un incidente accaduto molti anni fa che ha provocato la crescita di una foresta tossica la quale ancora oggi ricopre parte del Giappone, e dalla quale è meglio stare ben distanti.

Emancipazione dei Minori

In Gran Bretagna è normale allontanare i giovani dalla famiglia per renderli autonomi durante il loro avvicinamento al mondo dello studio, ma i nipponici mandano addirittura i propri figli in giro per il paese soli soletti alla tenera età di dieci anni!
Questo accade nella già nominata Biancavilla, così come in tutto il Kanto, ma similmente avviene in alcuni arcipelaghi (es. l’Isola Balena) e nella stragrande maggioranza dei feudi.

Sono poche le eccezioni e una di esse è Tokyo, dove i giovani vivono però con frustrazione il rapporto famigliare e finiscono talvolta con il diventare dei bulletti.

Delinquenza

Purtroppo in Giappone sono numerose le bande criminali e al di sopra di tutte si erge la Yakuza, la mafia che domina città come la stessa Tokyo e che detiene il potere politico ed economico di buona parte del paese.

Fortunatamente esistono alcuni paladini che non si piegano dinanzi ai soprusi, come il controverso Akumetsu ed il celebre Onizuka, e persino personaggi all’interno del mondo criminali che si schierano a difesa dei più deboli, come Karasawa.

Oltre alla mafia giapponese, esistono altre forme di organizzazioni e tra esse gruppi di banditi contrastati, anche in questo caso, da famosi guerrieri come il noto Ken.

Infine la pirateria è all’ordine del giorno nel paese nipponico ed essa è ostacolata con ardore da parte della Marina.

Forza Fisica

I giapponesi allenano quotidianamente il proprio corpo e molti di loro dedicano tutta la vita allo sviluppo della forma fisica e alla ricerca della forza, sia essa strettamente legata ai muscoli oppure allo spirito.

Anche qui si potrebbero fare numerosissimi esempi, ma non credo sia necessario.

Quello su cui voglio invece soffermarmi è la capacità dei giapponesi di rimanere sorprendentemente in forma e potenti anche in seguito al raggiungimento della vecchiaia.

Se questi sono i vecchi...

Se questi sono i vecchi…

Personaggi come il maestro Muten, il presidente Netero, il pirata Barbabianca ed il comandante generale Yamamoto bastano a suggerire l’idea che le già più volte citate sostanze misteriose presenti nell’ambiente e nei cibi nipponici consentano di mantenere un fisico possente quando invece nel resto del mondo si è ridotti ad uno straccio pieno di reumatismi.

Se è così, sapete dove trovarmi quando sarò in pensione!

La cattiva notizia per le ragazze è che sembra non valere anche per loro questo discorso. Non si vedono molte vecchiette muscolose in Giappone e il massimo esempio di prestanza fisica in età avanzata sembra essere Dola dei pirati dell’aria

Non proprio una gran bellezza…

Comunicazioni Estreme

Tralasciando la telepatia e i gestori di reti mobili come Re Kaio, in Giappone gli abitanti non possono fare a meno di urlarsi addosso l’un l’altro qualsiasi cosa facciano.

Dico sul serio, è previsto dalla legge, ed è per questo motivo che persino le tecniche segrete vengono urlate ai quattro venti prima di essere praticate, dando modo all’avversario di prevedere l’attacco in arrivo e (perchè no?) di prendersi un cappuccino al bar.

E’ molto importante, per non passare guai con i bravi abitanti del luogo, gridare a pieni polmoni anche quando si sta per bere un sorso di sake o quando, al mattino, ci si alza dal letto, svegliando coinquilini e vicinato.

Menzione a parte per le arti marziali, dove recenti studi dimostrano che gridare parole a casaccio durante l’esecuzione di una mossa, come ad esempio Bazooka Gum Gum o Kamehameha, permette di ottenere risultati strabilianti e sovrannaturali.

Non era quello che vi aspettavate, eh?

Non è quello che vi aspettavate, eh?

Alcune fonti sicure mi hanno informato che il prossimo capitolo di The Elder Scrolls sarà ambientato proprio in Giappone…

 

Bene, questa è la visione che ho io del paese del sol levante.

E voi, invece, come vi immaginate il Giappone?

Scrivetelo nei commenti e fatemi sapere cosa vi hanno insegnato i manga e gli anime su questo paese quasi mitologico!

Annunci

15 thoughts on “In Giappone…

  1. The Butcher ha detto:

    Il seno dei personaggi giapponesi aumenta con la caratterizzazione del personaggio. Seems legit.
    Comunque un articolo davvero carino. Mi hai divertito parecchio =)

    • Eh già, sembra essere in qualche modo relazionato allo sviluppo della personalità. Curioso…

      Grazie, mi fa piacere! Mi sono impegnato molto per scriverlo e lo tenevo da parte da molto tempo.

      • The Butcher ha detto:

        Di nulla =)

        Comunque sia sei appena stato nominato ai Liebster Awards dal sottoscritto qualche minuto fa. Vieni sul nostro blog per saperne di più (anche se mi pare che tu abbia già ricevuto delle nomination tempo fa).
        Buona giornata =)

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...