Risultati Sondaggio: Quale Ghibli Scegliere

Eccoci qui, con i risultati del terzo sondaggio di Operazione Nerd.

Per gli smemorati: una settimana fa ho chiesto quale, secondi voi, è il film di Hayao Miyazaki più bello.

E’ stato un quesito molto tosto, ne sono consapevole, quindi il prossimo vedrò di farlo più leggero.

Adesso sotto con le vostre risposte!

qualeghibliscegliere

A risultare primo è Il Castello Errante di Howl. Sono proprio felice perché io stesso lo reputo il più bello. Come non lasciarsi trasportare dal misterioso Howl in una dimensione magica mescolata ad un mondo straordinariamente steampunk? Per non parlare del povero Calcifer e del giovane allievo Markl, entrambi simpaticissimi. Sophie è, come sempre nei film del maestro, una ragazza coraggiosa e determinata, pronta a tutto per seguire il suo cuore. I personaggi sono tutti ben caratterizzati, ma questo vale per tutte le pellicole Ghibli.
Semplicemente, il risultato è addirittura migliore del solito e per questo si aggiudica ben 4 voti.

Al secondo posto, con 2 voti, ecco l’eroico Porco Rosso. Personaggio romantico e divertente al comando di un rosso idrovolante, a dispetto dell’apparenza è un vero uomo: altruista, gentile ed educato. Mi piace, ma personalmente lo ritengo nella media e non al di sopra.

Sono infatti stupito di Continua a leggere

Sondaggio 3: Quale Ghibli scegliere?

Eccoci al terzo sondaggio di Operazione Nerd!

Non so se ve ne siete accorti, ma questa iniziativa è piuttosto incostante e tendo a pubblicare nuovi sondaggi quando mi vengono in mente, piuttosto che rispettando una scadenza.

Oggi non sono qui per chiedervi consigli cinematografici, ma piuttosto per costringervi a fare una scelta molto, molto difficile (io stesso farei molta fatica a rispondere).

Siete curiosi, eh? Eppure il titolo è già piuttosto esplicito, o almeno così mi sembra.
Insomma, conoscete tutti lo Studio Ghibli, no?

Ma certo che sì! Stiamo parlando della casa produttrice di film d’animazione del maestro Hayao Miyazaki. Ne ho parlato più volte qui su ON e ho pure iniziato una serie di post (intitolati “Ciclo Miyazaki”) dedicata alle opere dell’onorevole regista, a partire da Il Castello Errante di Howl.

Nel sondaggio di oggi vi propongo di scegliere quale dei suoi film ritenete essere il più bello.

hayao-miyazaki movies

Lo so, è una domanda Continua a leggere

Ciclo Miyazaki: Nausicaä della Valle del Vento (1/2)

nausicaa_of_the_valley_of_the_wind_wallpaper_background_6092

Introduzione

Avevo voglia di continuare il ciclo di post dedicati al mitico Hayao Miyazaki e ho optato per uno dei suoi film più belli di sempre: Nausicaä della Valle del Vento.

La pellicola è la seconda diretta dal maestro, uscita nel lontano 1984 e dal successo così clamoroso da permettergli di fondare insieme al suo sensei Isao Takahata la fabbrica delle meraviglie conosciuta con il nome di Studio Ghibli.

Dal momento che l’opera è tratta dall’unico (o quasi) manga di Miyazaki, mi sembra giusto dedicare un post ad ognuno dei due ed è per questo che dividerò l’articolo in due parti: la prima dedicata al film e la seconda al fumetto.

E’ la prima volta che faccio una cosa simile quindi spero di non far troppo casino con le sezioni e di non ripetermi troppo (….troppo).

Bene. Si comincia!

Trama (senza spoiler)

Il film è ambientato 1000 anni dopo una guerra nucleare, chiamata “i sette giorni di fuoco”, che ha reso inabitabile gran parte del pianeta. La superficie della terra è infatti ricoperta dalla cosiddetta Continua a leggere

In Giappone…

Ho alle mie spalle una montagna (letteralmente) di manga, alle pendici della quale sono disseminati film d’animazione nipponici e qualche serie tv; dunque ormai, anche senza esserci stato, mi sono fatto un’idea di come vadano le cose nel paese del sol levante.

Eccovi quindi una descrizione di come mi immagino possa essere fatto il Giappone basandomi totalmente sui mezzi indiretti a mia indisposizione.

Tette Enormi

Boa-Hancock-image-boa-hancock-36496008-977-817

Mudkip è molto felice

Ovviamente la prima cosa che salta all’occhio sono i vistosi davanzali delle ragazze, donne e persino bambine (Sono Perversi Questi R… ehm… Giapponesi).

La lista di esempi è infinita, ma solo per nominarne alcune: Nami, Robin, Tsunade, Sakura, Inoue, Lucy, Erza, Fujiko

La cosa più sorprendente non è tanto la dimensione mostruosa del seno di alcuni personaggi (Shizuka di High School of the Dead, Matsumoto di Bleach…) quando la velocità con la quale esso cresce! Infatti con il procedere dei capitoli di un manga possiamo notare lo sviluppo continuo della grandezza e il contemporaneo restringimento dei vestiti, cosa che Continua a leggere

Nostalgia – Il Cuore delle Carte

 

yugioh pokemon magic

Questo è il primo episodio di una serie di post dedicati al dolce malessere che ultimamente affligge il mio animo: la nostalgia.

Inizialmente doveva essere un unico articolo, ma poi ho avuto la geniale intuizione (come spesso mi capita quando sono in bagno) di dividerlo in più parti per non renderlo troppo lungo e pesante. Nessun riferimento a eventi passati…

Cominciamo dunque a discutere dell’argomento al quale è dedicato il post di oggi: le carte collezionabili.

Cosa vi viene in mente? Yu-Gi-Oh? Magic? Pokémon?
Sono molti i titoli che rientrano in questa categoria e ognuno di noi ha nel suo cuore un posticino dedicato a loro.

Eppure esistono persone che non hanno un’idea chiara della faccenda (… seriamente?) e dunque procediamo con ordine.

Che cosa sono?

Un po’ come le figurine, sono oggetti acquistabili in edicola/fumetteria e che possono essere collezionati, ma si differenziano per il loro principale utilizzo: il giuoco.

Generalmente sono suddivise in categorie, ad esempio carte mostro, ad effetto, potenziamenti, energia e via così. Ogni gioco ha le sue suddivisioni ma in linea di massima l’obiettivo è lo stesso: azzerare i punti vita dell’avversario.

Fatta questa breve introduzione, immergiamoci nel mondo che più di tutti mi ha coinvolto e, sono sicuro, conoscete Continua a leggere

Genetica dei Sayan

Premessa: in questo articolo verranno utilizzati termini specifici che richiedono una conoscenza base di genetica
Disclaimer: non sono un genetista e non ho ancora dato l'esame di genetica, quindi alcuni concetti potrebbero essere errati

Vi siete mai domandati come funziona la trasmissione dei geni Sayan (o Saiyan, in base alla traduzione) nel mondo di Dragon Ball?
Io sì, molte volte, ma non ho mai avuto voglia di mettermi a fare seriamente i conti su un foglio di carta.

Per fortuna il mio libro di genetica è sufficientemente noioso da spingermi a divagare, motivo per cui oggi cercherò di svelare l’arcano mistero e spiegare in quale maniera viene trasmessa la capacità di diventare, quando la luna è alta in cielo, un lupo mannaro scimmione gigante assassino: l’Oozaru.

Per prima cosa, analizziamo le caratteristiche.

Genotipo e Fenotipo

Gli appartenenti alla razza Sayan, popolo alieno umanoide, possiedono uno o più geni capaci di renderli fisicamente superiori ai terrestri, pur mantenendo la capacità di accoppiarsi con gli esseri umani e produrre prole fertile; questo è già di per sè curioso, dal momento che si tratta di creature provenienti da un pianeta diverso, ma tutto si spiega se troviamo un antenato comune che, decine o addirittura centinaia di secoli fa, è giunto a colonizzare il pianeta Terra. Di conseguenza umani e Sayan sono etnie diverse della stessa specie.

dragonball

Alcuni Sayan (esclusa Chi Chi)

Tornando alle caratteristiche fenotipiche, i Sayan Continua a leggere

Liebster Award e Premio Luce Interiore – Doppio Salto!

liebster-award-2014

Quasi non ci credo, ma ho scoperto di aver vinto non uno ma ben due premi!

Ringrazio il mio amico extraterrestre e la coppia di nerdoni per avermi nominato, scusandomi per il ritardo.

Ad essere sincero, non mi ero nemmeno accorto di essere tra i nomi!

Diamo dunque un’occhiata a cos’ho vinto:

Liebster Award: a quanto ho capito è famoso e gira da un po’ di tempo all’estero. Il significato del termine inglese tedesco è qualcosa del genere “Il più dolce” o “carissimo”, o almeno così mi hanno detto le mie fonti (google*coff!coff!*), e vedere che qualcuno pensa questo di me mi (dimemi, dimemi, dimemi… sembra una filastrocca) riscalda l’animo.

Premio Luce Interiore: come lascia suggerire il nome, è conferito ai blogger che possiedono dentro di sé una luce speciale, capace di rendere il loro angolino del web umile e sincero. Difficile essere modesti quando si vincono due premi in una volta sola, quindi cercherò almeno di rimanere sincero (sto mentendo…)

Le regole non sono le stesse per i due award quindi parto con il secondo, che è più facile

premioluceinter

  1. Nominare 10 blog che brillano di spontaneità, sincerità, umiltà e disponibilità.
  2. Avvisare i nominati
  3. Usare il logo del premio

Sono a buon punto e, per quanto riguarda le nomine, le metto alla fine del blog insieme a quelle dell’altro premio.
Ma non correte subito infondo a cercare il vostro blog nella lista, perchè Continua a leggere