Serie TV Tag – Una Catena di Episodi

Evviva, un altro tag!

Sapete cosa vuol dire?
“Un altro modo per pubblicare post senza fatica?”
Proprio cos… eh, no! Niente affatto, non è quello che volevo dire. E’ un’altra splendida occasione per interagire con altri blogger, comunicare le proprie esperienze e cose così. (…)

Si parla di serie Tv e, come sapete voi e molti miei sfortunati amici, è uno dei miei argomenti preferiti. Grazie Crostina!

Le regole sono sempre le stesse, ma per gli ipotetici nuovi arrivati eccole qua:

  • Ringraziare/taggare chi ci nomina ed il creatore del tag

  • Rispondere alle 10 domande del tag

  • Nominare altri blog (quantità libera)

La fase uno è completata, si passa alla successiva.

  1. La serie TV che a memoria ricordi di aver visto per prima: Sono quasi certo che sia Friends. La guardavo a cena con mia mamma e mia sorella quando ero piccolo e sono certo di aver seguito tutte le stagioni, eppure è passato così tanto tempo che non ricordo più nulla.
    Sapete che vi dico? Me la riguardo!
  2. Le tre serie che stai seguendo al momento: Solamente tre? Ahahah! Fossero così poche avrei una vita semplice. Diciamo che quelle che sto seguendo di più sono The Walking Dead, Big Bang Theory e, ovviamente, Game of Thrones.
  3. I due personaggi maschili e femminili (con relativa serie) che hai più amato e quelli che hai più odiato: Oh, adesso mi diverto:
    -Maschili più amati: il Dr. Cox di Scrubs e Barney di How I Met Your Mother.
    -Femminili più amati: Lily di How I Met Your Mother e le “numerose” attrici di Orphan Black, forse.
    -Maschili più odiati: sicuramente Joffrey di Game of Thrones e forse Shane di The Walking Dead.
    -Femminili più odiati: Skyler di Breaking Bad e Cersei di Game of Thrones, anche se quest’ultima ha dei risvolti positivi, quindi non in maniera profonda come la prima.
  4. La serie TV più romantica che hai visto: Mhhh… Buffy L’ammazzavampiri! Sul serio, è praticamente una teen serie. Anzi, a ben pensarci è Skins, che Wikipedia etichetta come teen drama.
  5. Quale personaggio di serie TV avresti voluto essere: JD di Scrubs, e in effetti abbiamo molte cose in comune.
  6. Le due serie famose che tu non guardi proprio: Senza nemmeno pensarci The Flash ed Arrow. Non voglio offendere i fan, ma per me sono estremamente banali e con dialoghi terribili, facendola breve.
  7. Le tre donne più belle delle tue serie TV preferite: Al di là di cosa si intende come serie TV preferite, che sono molte, direi Tredici di Dr. House, Elliot di Scrubs e Lily di How I Met Your Mother. Lo so, su Game of Thrones ci sono delle turbofighe da paura, ma a queste sono più affezionato.
  8. Le tre serie preferite di sempre:
    Scrubs, Breaking Bad e Big Bang Theory, ma l’estate scorsa ho conosciuto Game of Thrones e le cose sono cambiate profondamente.
  9. Come, dove e quando preferisci guardare le tue serie:
    Generalmente sul mio divano, il pomeriggio dopo pranzo, oppure in camera mia la sera dopo cena se non ho già un film da guardare o un videogame a cui giocare (dura vita da nerd impegnato).
  10. Quale serie ormai finita vorresti che ricominciasse?
    Non saprei, io tendo ad affezionarmi molto alle serie lunghe, ma quando giungono ad una conclusione è inutile riaprirle; del resto Breaking Bad termina in maniera un po’ soffusa, quindi…

Continua a leggere

Annunci

Bionde, Videocassette ed Orsi Polari

Buonasera WordPress. Prima di tutto vi prego di scusarmi per questa forte presa di posizione: come molti di voi, io apprezzo il benessere della routine quotidiana, la sicurezza di ciò che è familiare, la tranquillità della ripetizione; ne godo quanto chiunque altro, V compreso.

E allora perché diavolo le cose cambiano???

Non riesco a percepire come positiva una modifica del ripetitivo scorrere degli eventi, o almeno stento a farlo. Amo le piccole cose come il bicchiere di succo la mattina, seduto fuori in giardino guardando il cielo; la serie tv dopo pranzo, in camera mia, in attesa di digerire e dedicarmi ad altre faccende; il film la sera nel mio piccolo regno, alternato nei periodi universitari dalla vecchia, sana lettura a casa-studio.

Questo non vuol dire che ogni tanto io non possa accettare un’eccezione o un mutamento occasionale; il più delle volte dopo tale evento le cose tornano alla normalità oppure, più raramente, si integra nel naturale scorrere dell’essere, tornando ad essere un ciclo.

Ma certe cose proprio non posso sopportarle e l’idea di doverci convivere mi causa stress, fastidio e malessere.

A cosa mi riferisco?

A Kaley Cuoco, ovvero Penny di Big Bang Theory, con i capelli corti!

(no, non l’ho scoperto oggi, state buoni! Ci stavo ripensando mentre finivo l’8 stagione…)

Perché mai dopo ben sette stagioni di Penny-biondona deve ridursi così? Sofferenza, sofferenza profonda.

hqdefault

Quella è proprio l’espressione giusta

“Scherzi” a parte Continua a leggere

Giorni di Relax e Tante, Tante Tette

Quelli che sono appena passati sono stati per me giorni grandiosi.

Mi sono preso una piccola pausa dallo studio (ne avevo un disperato bisogno) e ne ho approfittato per rilassarmi e… nerdare come un pazzo.

Era da un pezzo che avevo intenzione di giocare a The Last of Us, così sono andato dal mio negoziante di fiducia e quando gli ho chiesto se ne aveva una copia usata mi ha risposto: NO.

E’ la seconda volta che mi succede, ma sono ostinato e nuovo non lo voglio comprare; così, tra bestemmie sommesse e occhiatacce, ho optato per un altro titolo al quale volevo giocare da molto tempo: Bioshock.
E non uno qualunque, ma addirittura l’Infinite, che da quanto ne so non è direttamente collegato agli altri capitoli della serie.

bioshock wow

Sapete che vi dico? E’ stato un gran bel colpaccio!
Un gioco stupendo, soprattutto per le sue ambientazioni steampunk e utopistiche (inizialmente, si intende).
Ma non voglio aggiungere altro perchè questo gioco così figo merita un post a parte.

Invece voglio parlare delle altre cose che hanno reso questi giorni così piacevoli: sono arrivato a metà della settima stagione di Big Bang Theory (ne ho parlato qui) e ho ricominciato Weeds con il mio migliore amico, ho guardato Sin City e riguardato 2/3 Batman di Christopher Nolan, ho letto l’ultimo numero di Ratman e sono alle prese con il tredicesimo di Vinland Saga, ho catturato qualche altro Pokémon su rosso e… ovviamente sto giocando giorno e notte a Bioshok.

Ma veniamo al dunque Continua a leggere

E’ tempo di nerdare

E’ Domenica. Con la D maiuscola.

Il giorno che tra tutti odio di più. Non so se ha qualcosa a che fare con il Sabato del Villaggio di Leopardi, ma entro sera, una settimana ogni due, mi ritrovo sempre malinconico e totalmente privato della mia voglia di vivere.

Se dovessi descrivere la scena, eccola qui: un ameba ribaltato sul divano, al buio, con la televisione spenta e lo sguardo perso a guardare il soffitto, con una gamba arrampicata sullo schienale e l’altra distesa sino al bracciolo; il corpo c’è, ma la mente è scomparsa. Non è andata da un’altra parte, è proprio sparita nel nulla. Un dubbio incombe sulla mia testa come la spada di Damocle: “Cosa voglio? Cosa desidero fare, guardare o leggere? Voglio scrivere, giocare o dormire? Metterò su un film, una serie tv o farò zapping tra i canali? Cosa voglio?”

Lasciatemelo dire, uno spettacolo pietoso.

Per fortuna tutto passa nel giro di qualche ora o, nei casi estremi, una nottata di sonno. Però ancora non capisco come mai accada quasi sempre di Domenica…

 

Depressione a parte, è un periodo piuttosto duro per me. Tanto da studiare, troppo a dirla tutta. Questo però non mi impedisce di dedicarmi a qualcosa di divertente.

Ad esempio, guardate un pò cosa mi ha portato il buon postino

GBC

 

Oh, non tutto questo: il Game Boy Advance è un vecchio compagno di avventure. Però il resto invece è un pacchetto stupendo. L’ho vinto su Ebay dopo aver partecipato alla mia prima asta.

Inutile dire che Continua a leggere

Scrubs

Scrubs-scrubs-7589922-1280-1024

Serie epica che non solo ha spinto migliaia di fan a studiare medicina ma è anche diventata una delle più efficaci cure contro la depressione assieme ad altre divertentissime serie come Big Bang Theory e How I Met Your Mother.

Le vicende ruotano attorno allo specializzando John Dorian, conosciuto da tutti come JD, e ai suoi amici Christopher Turk, Elliot Reid e Carla Espinosa, ma sono moltissimi i personaggi che, seppur nel ruolo di coprotagonisti, si ritagliano uno spazio talmente ampio da diventare insostituibili: il cinico Dr. Cox, il misterioso Inserviente, il malvagio primario Kelso, lo sfortunato Ted; e ancora Todd il pervertito, Laverne la pettegola, Doug l’incapace, Jordan il demonio… la lista è lunghissima! Senza contare poi i personaggi mitici quanto marginali come il Dr. Barbablu e l’afro-americano con l’uncino.

Questa accozzaglia di individui forma un ambiente unico, rassicurante e divertente nella quale trascorrere una ventina di spassosissimi minuti (anche se questi spesso si prolungano ad oltranza, come con le ciliegie).

La serie si basa soprattutto su alcuni punti fermi riconducibili a JD ed elencabili in pochi punti Continua a leggere

Big Bang Theory

bigbang

Poco ma sicuro, questa è una delle serie tv più nerd in circolazione.

Spassosissima, mi sono ritrovato più di una volta a rotolare sul divano in preda ad una incontenibile risata che sembrava non finire più. Sono quei momenti in cui ti rendi conto che la tua risata è una cosa ridicola, quasi patetica, ma questo invece di rattristarti peggiora la situazione e scatena un nuovo attacco di isteriche convulsioni…

Le vicende ruotano attorno a Leonard e Sheldon, due coinquilini dal quoziente intellettivo molto elevato, entrambi laureati in fisica (rispettivamente sperimentale e teorica) e ricercatori in un’università, uno più incapace dell’altro a coltivare relazioni sociali. I loro unici amici sono Howard e Rajesh (ma tutti lo chiamano Raj), altri due geniacci pieni di problemi. Si ritrovano spesso per cenare assieme con cibo etnico e per organizzare partite di giochi di ruolo o videogames.

La situazione è piuttosto stabile sino a quando non si trasferisce sullo stesso pianerottolo di Sheldon e Leonard una nuova vicina, Penny, la classica bionda bella ma… non altrettanto sveglia. Diciamo pure stupida, tanto che in una gara di intelligenza contro una pigna vincerebbe quest’ultima con un ottimo vantaggio.

Comunque, come dicevo, qui iniziano i guai. Continua a leggere