Animal Crossing: Wild World

animal_crossing_wild_world_bild

Che ci crediate o no, c’è stato un periodo della mia vita in cui non odiavo stare in mezzo alla gente; anzi, mi piaceva. Ero ancora giovane e trascorrevo più tempo al parco giochi che a casa, correndo instancabile qua e là con gli altri ragazzini.

Una triste Domenica di fine Agosto la mia gamba si ruppe “accidentalmente” giocando a calcio (si sa, le ossa si spezzano da sole…) e fui costretto alla semi-immobilità per i successivi tre mesi.
Era triste vedere che gli altri bambini si divertivano sotto la splendente luce del sole, rotolandosi nei prati e arrampicandosi negli alberi, mentre io me ne dovevo stare sul divano ad annoiarmi, spesso solo. Certo, alcuni amici passavano a farmi compagnia, ma non potevano stare sempre nel mio salotto (perché no?).

Tutto questo cambiò quando scoprii l’esistenza di Animal Crossing: Wild World. Già mi piacevano i videogiochi, ma questo era diverso: si trattava di un simulatore di vita, genere mai provato prima. Per una volta era di mia sorella e non il contrario, quindi mandai subito la mia inserviente-tuttofare-mamma al negozietto di fiducia, che adesso è anche la mia fumetteria di fiducia, per averne una copia tutta mia (imparate, bambini, come si fa a non rovinare le tanto sudate ore di gioco altrui).

L’umile donna fu lesta ad accontentare la mia richiesta ed il malmesso e viziato bimbetto ottenne di li a poco il suo giochetto… ok, la smetto subito perché sembra una filastrocca natalizia e non è neppure la stagione giusta.

Insomma, non persi tempo ad Continua a leggere

Risultati Sondaggio: Console Preferita

E’ passata una settimana ed ecco finalmente i risultati del quinto sondaggio di Operazione Nerd.

La domanda era: qual è la vostra console preferita?

Le concorrenti in gara erano agguerrite (un po’ come per il primo sondaggio) ma i risultati sono stati sorprendenti. Non vedete l’ora di leggerli?

Eccoli qui:

console preferita

Esatto, a vincere sono state tutte le principali console!

Il PC, la PS e l’Xbox sono alla pari al primo posto, dimostrando che al di là delle console wars  piacciono a tutti alla stessa maniera. E’ una bella cosa, sapete?

Subito dopo seguono le due risposte libere dei nostalgici che hanno votato per l’SNES e per il Nintendo 64; insomma, anche se il predominio oggi è della Sony e della Microsoft fino a qualche decennio fa a farla da padrona era la Nintendo.

Da parte mia sono sempre stato affezionato al Game Boy, essendo la mia prima console, ma non ho dubbi su quale sia la mia preferita: Play Station, la mia amata dark lady.

E’ stato un sondaggio interessante, ma ancora di più lo sono le motivazioni che mi avete dato per giustificare il vostro voto (e che potete rileggere qui).

Grazie ancora per aver partecipato! Restate in attesa del prossimo sondaggio!

Sondaggio 5: Console Preferita?

Eccoci al quinto sondaggio di Operazione Nerd!

L’ultimo quesito era un po’ particolare, quindi questa volta si torna alle cose nerdiche; e cosa c’è di più nerd dei videogames? Gli strumenti per giocarci, ovviamente.

Sto parlando delle console (niente a che fare con i romani…), le magiche macchine che ci permettono di entrare in mondi variopinti e avventurosi e di interagire con i nostri avatar tramite pochi, semplici comandi.

Sicuramente ne avete provata più di una, quindi sapete benissimo di cosa sto parlando, ma per comodità ve ne nomino alcune.

pclaptop

La più diffusa, soprattutto per i suoi molteplici usi secondari oltre a quelli ludici, è il computer,ovviamente con sistema operativo Microsoft. Nel 2016 tutte le famiglie abitanti nei paesi industrializzati ne possiedono almeno uno, che sia fisso o portatile, e diventa sempre più difficile vivere senza dal momento che internet ormai sta passando dall’essere una utilità ad una necessità; di questo si potrebbe discutere molto, ma il prof. Oak dice:

C’è tempo e luogo per ogni cosa, ma non ora.

A partire da prato fiorito, pinball e spider, per passare poi ai giochetti online giocati su browser e giungendo poi ai veri e propri videogame su cd, il pc è senza ombra di dubbio una delle prime console con le quali molti di voi hanno interagito.

Le sue capacità di memoria, grafiche e di processazione lo rendono sicuramente lo strumento più sofisticato nel contesto videoludico, ma Continua a leggere

Wario Land 4

wario land 4

Non dimenticherò mai il fantastico giorno in cui ho ricevuto il Game Boy Advance ed il mio primo gioco: Wario Land 4. Era natale (o forse il mio compleanno? Non ricordo più…) e quella mattina, con l’emozione nel cuore, scartai il magico regalo che cambiò per sempre la mia vita. Non persi tempo e infilai subito le due batterie AA necessarie per far funzionare la console, inserii la cartuccia, accesi il GB e udii i suoni che di lì a poco sarebbero diventati un famigliare benvenuto verso mondi colorati e avvincenti.
Ero così eccitato che ignorai la colazione e il cartone che stavano dando in quel momento (era Batman) per riservare tutta la mia attenzione al grasso omino baffuto nello schermo, diretto verso una sfavillante piramide nella giungla.

Si era messo in moto qualcosa di straordinario: quel giorno cominciò un irreversibile processo di trasformazione che mi portò ad avvicinarmi sempre più ai videogames, un gioco dopo l’altro, fin quasi a farne parte. Oh, non ero ancora un nerd: come tanti altri bambini, amavo i cartoni animati, i fumetti e, da quel momento, anche i videogiochi; però è stato un piccolo grande passo verso la conquista della galassia di divertimento e fantasia che ora è il mio modo di vivere.

Insomma, tagliando corto con i sentimentalismi, per me Continua a leggere

Pokémon

Pokem

Pokèmon, ovvero dove tutto ebbe inizio.

Una vera rivoluzione all’interno delle console portatili ed un incredibile successo a livello commerciale, con tanto di serie animata, pupazzetti, action figures e molto altro.

Il padre dei Poket Monsters (Mostri Tascabili) è Satoshi Tajiri e la sua idea iniziale era quella di permettere ai ragazzini delle città di collezionare i mostriciattoli come si fa in Giappone con gli insetti ma, soprattutto, di farlo interagendo con altri giocatori. Infatti la cosa più innovativa del gioco è stata la necessità di più giocatori per poter finire il gioco in quanto catturare tutti i 151 Pokémon (l’obbiettivo) non è possibile con una sola cartuccia.

Eccoci dunque alla mia stupenda infanzia al parco con gli amici a tenere ben saldo il cavo durante lo scambio o la lotta per paura che si scolleghi sul più bello; cosa che, tra l’altro, accadeva spesso quando stavo vincendo. Strano eh?

Tornando al gioco, si trascina dietro anche uno dei più grandi problemi della storia dei player, il dubbio primordiale che ci portiamo dietro da anni… Continua a leggere