Sconfitta, Moduli e Regni

Purtroppo quest’anno l’uomo dei miracoli ha fallito (sì, parlo di me anche in terza persona).

Mi riferisco al fatto che non sono riuscito ad abbattere l’ultimo colosso della sessione al primo tentativo e ora mi ritrovo a dover ripreparare in poco più di una settimana e mezza patologia.
Ansia e sofferenza per noi (ora anche al plurale?) del club #cheschifotutto.

Non è che avessi molto altro da fare, però sarebbe stato comunque piuttosto carino non dover passare Settembre tra stupide citochine e molecole dalla sigla non memorizzabile (mi riferisco soprattutto a cose tipo TDP-43).

Ma non preoccupatevi troppo, mi sono preso qualche giorno di pausa per staccare e da oggi sono in montagna per un paio di giorni… in modalità monaco-guerriero in ritiro spirituale (Naruto, mi fai un baffo); il che significa solo soletto con i miei libri. Urrà…

Riguardo ai miei giorni di “pausa”, mi sono fatto una maratona di Life is Strange e… wow! Ho già scritto un post al riguardo e lo pubblicherò nei prossimi giorni, quindi rimanete in attesa.
Mi sono anche riguardato un po’ di film come Donnie Darko e Men in Black, tanto per non ritrovarmi all’interno della Play Station, e pensate che sono addirittura uscito di casa per qualche oretta (no, non ho dormito moltissimo…).

Insomma, ho nerdeggiato a piena potenza, come mi si addice.

 

Altra novità del mese: ho cambiato smartphone.

Non ne potevo più del Continua a leggere

Age of Mythology

age_of_mythology

Noi nerd abbiamo un desiderio di conquista innato. L’idea di possedere una città, un popolo, una civiltà, un pianeta ci affascina enormemente. Ecco il motivo per cui questo videogame ha avuto un enorme successo.

Probabilmente è il primo gioco di strategia alla quale ho giocato (gioco-giocato.. pessima!). Ero ancora un bambino all’epoca, ma già allora dentro di me sognavo di dominare il mondo… sentimento che mi porto dietro ancora adesso, a dirla tutta. Ma non è il caso di parlare dei miei piani segreti di… ehm… che stavo dicendo?

Age of Mythology è l’erede della serie Age of Empires, un altro famoso gioco di strategia in tempo reale nella quale il giocatore controlla una civiltà che deve fare “avanzare di età” (svilupparla, migliorando le tecnologie ed aggiungendo nuove unità) per renderla più forte e poter così sconfiggere un’altra popolazione rivale.

I due giochi sono tra loro simili, ma in AoM sono stati apportati alcuni importanti cambiamenti, primo tra tutti l’introduzione delle divinità. Infatti ad ogni passaggio di età (es. dall’arcaica alla classica) il giocatore può scegliere Continua a leggere